Ottantesimo

No, non era Mario Biondi. Era Leonard Cohen.

Lentamente affiorano ricordi che avevo sopito per non so quale insulso castigo e trovo terapeutico il dialogo spolverante memoria passata.

E’ come se trovassi di volta in volta un pezzettino di una mia identità imprigionata da tempo, e tu inconsapevole a darmi indizi.

Ed allora ecco, non ho voglia né tempo per scrivere, ma ne ho per mettere qui due canzoni che apprezzo tantissimo.

La prima é la mia preferita di sempre, la seconda é un po’ più famosa, usata come canzone di chiusura di Natural Born Killers, film che ha vagamente segnato la mia adolescenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.