Settantesimo

Personaggi acquisiti: Massimo.

La pausa pranzo dal lavoro la passo giornalmente nello stesso bar.
Bar dove vado anche a fare colazione e pausa caffé. Insomma, tempo un mese e già io ed il barista ci davamo del “tu”.

Massimo, il suo nome.

Nel tardo pomeriggio di un giorno calcisticamente e romanamente impegnato:

<<ma ‘vvaffanculo va. Tra poco gioca ‘a Roma e tu qui a rompe lì coioni!>> dice rivolto ad un cliente.
<< Ma ggioca ae nove ‘a Roma!! >> risponde un signore sulla settantina.
<< Ma ‘vvaffanculo, gioca ae seiemmezza! vaffanculo va’.>> ribatte subito, voltandosi verso l’ingresso da cui sta entrando un amico del cliente << Ecco, ecco che arriva n’artro monnezzaio, li mortacci… >>

______________________________________________________________

La nuova barista talvolta é impacciata. Da quando c’é lei i clienti rompono bicchieri, qualcuno cade, insomma, ne succedono di “strane”.

<< So io perché t’hanno chiamato Angelica… ‘a fattucchiera. Guarda>> la rimprovera, prendendola in giro. Poi, indicando me davanti alla cassa in attesa di pagare il conto << Lui non vede l’ora di andarsene >>
<< No, lui…>> cerca di rispondergli timidamente.
<< Lui, lui é già secco abbastanza, nun je fà gnente >>
<< Ma no, lui mi piace, é riservato, tranquillo, silenzioso… >>
<< Sai perché se ne sta zitto? Perché ha paura! >>

Massimo mi chiama ombra. Perché, dice, sono talmente magro che per fare ombra devo passare due volte. Anzi, “Pe fà ombra sotto ar sole devi passà du vorte“.

Lascia il primo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.