Ottantaseiesimo

Le olimpiadi sono ormai prossime. In Cina, un’altra volta, l’evento sportivo supera i confini fatti da specialità, attrezzi, atleti.
Sarà qualcosa di nuovo, emozionante come solo le olimpiadi sanno essere – ed anche vagamente pericoloso.

Trentadue anni fa, a Montreal, una ragazzina di quattordici anni sottolineava il suo ingresso nella ginnastica artistica.
Sarebbe forse più corretto dire che una ragazzina di quattordici anni definiva-definitivamente la differenza tra atlete, buone atlete e leggende. Si apprestava a prendere di diritto un posto tra le leggende dello sport.

Il dieci perfetto alle parallele asimmetriche. Per la prima volta nella storia. E non sarebbe stato l’ultimo tra i vari attrezzi della ginnastica artistica.

Capitò la prima volta di vederla in un documentario << Vedi, per i punteggi sono importanti la difficoltà delle manovre e la fluidità con cui le fai. Lei era la più brava >> commentò mia madre.

Vuoi per la curiosità nel vedere una persona – una bambina – fare quello che fino ad allora avevo visto fare solo alle tartarughe ninja e ad attori di strani film di serie B orientali con tema principale le arti marziali, rimasi folgorato e presi a seguir quella specialità al punto di riuscire a capire quando un’atleta “sì, ha fatto bene”, “no, lì ha sbagliato”.
Ed ogni volta che mi capita di vedere una competizione di corpo libero, trave, parallele asimmetriche, ancora mi fermo a guardarne un paio di passaggi.

Di chi sto parlando? Della Comaneci, Nadia.
Capace ancora di ricordarmi la differenza fra l’essere grossi, ed essere grandi.

Lascia il primo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.